frammento 22

NARRATORE

Ho trovato alcune pagine particolari nell’ultimo diario di Vera. Capovolgendolo e partendo dalla fine vi sono una serie di appunti, scritti con penne diverse in momenti differenti e, alcuni di essi, sono anche accompagnati da disegni.

27

Sono le pagine in cui Vera racconta di come stesse organizzando la trappola per Orfeo. Ci sono nomi di luoghi e in alcuni dei questi ci è andata con lui. Non ci sono, però, date e orari, anche se non sarà difficile, per voi, ricondurle al periodo a cui risalgono.

Dal diario di VERA

 APPUNTI

Devo annotare ogni consiglio e suggerimento che mi viene dato da Imeneo.

Li scriverò tutti qui, su questo diario, così mi sarà facile rileggerli quando ne avrò bisogno.

Fino ad oggi mi sono sfogata e ho raccontato la mia vita, tra queste pagine. Da oggi mi sarà ancora più utile, per ricordare e pianificare tutto quello che dovrò fare.

Appunto 1

Vicino al disegno di una sirena si legge: “Come una sirena, dovrò essere come una sirena. Lo trascinerò fuori dalla sua vita tranquilla e lo porterò tra le onde. Ognuno dei suoi sensi verrà coinvolto e io dovrò riuscire a cantare, affinché la mia voce possa tenere le redini dei suoi sensi, in modo che danzino insieme.

Come i marinai che si accostano ignari e vengono trascinati verso le profonde acque marine: anche Orfeo dovrà gettarsi tra le onde! “

C’è poi un altro disegno: una figura femminile che stringe forte le redini 5 cavalli e li guida verso l’orizzonte. “Il mio compito è di portarlo verso il desiderio più lontano, più irraggiungibile e sottomettere tutti i suoi sensi.”

Appunto 2

Ultima thule: il territorio sconosciuto. Mi mostrerò così: l’ignoto affascina, cattura e invita a scoprire. Il mio compito sarà rimanere sempre un po’ misteriosa ai suoi occhi.

Appunto 3

“Acqua di Lete: l’acqua che faceva dimenticare. Cercherò di fargli dimenticare il suo dolore.

Dovrò rimuovere i suoi pensieri negativi.”

Vicino a quest’annotazione, Vera ha disegnato una piccola fontana.

Appunto 4

Imeneo mi ha detto che dovrò essere come Artemide, scoprendomi in modo che non possa più resistermi. A quel punto per lui sarà la fine.

Sono andata a leggere questo mito. La storia parla di Atteone, un giovane che per rinfrescarsi si avvicina ad un ruscello dove la bellissima Artemide sta facendo il bagno nuda. Lei se ne accorge e con i suoi poteri lo tramuta in Cervo. Per lui la fine sarà delle peggiori: verrà divorato dai cani da caccia.

Utilizzerò la mia fotografia.

La lascerò come segnalibro, la vedrà fortuitamente, così come Atteone per sbaglio vide Artemide…

Dovrò scrivere un messaggio chiaro, con ombre che non si potranno fraintendere.

La sua visione lo ingannerà. Orfeo sarà definitivamente uno schiavo.

In questo modo mi scoprirò e sarò anch’io nuda, proprio come Artemide.

28